News ed eventi
25 03 2020

Insieme per forza

Insieme per forza

La coppia in crisi e la difficile convivenza

 

 

Tutti a casa!

Tutti insieme, anche se insieme ormai non vogliamo più stare.

Le coppie in crisi non sono poche; molte hanno già deciso la separazione, ma tutto quello che sta accadendo ha fermato il tempo, ha interrotto la ricerca di soluzioni possibili.

In molte famiglie giustamente si sta in casa, si lavora da casa, si condivide ogni ora del giorno e della notte e questo può diventare davvero insostenibile, con il rischio che si creino situazioni di vera e propria intolleranza, di aggressività, di violenza.

Pensiamo che dedicare i nostri post solo alla conferma dell’importanza degli affetti e degli abbracci dello sguardo non sia sufficiente. Ecco perché ci permettiamo di dare pochi consigli, rivolti a coloro che si trovano in una situazione di convivenza forzata con il proprio partner.

 

  • Ricordiamoci che, se ci siamo sposati o abbiamo preso la decisione di convivere, ci saranno stati dei buoni motivi. Non siamo così sciocchi da averlo fatto con superficialità.

  • Siamo diversi, in ogni cosa: nel nostro modi di ragionare e di fare, nelle nostre reazioni, nell’espressione delle nostre emozioni. Ma questo lo sapevamo anche prima.

  • Facciamo allora il possibile per evitare di attivare la lite, di alimentarla, di amplificarla. Non servirebbe a nulla, che siamo differenti lo sappiamo già.

  • Ci potrà essere uno dei due che sarà anche contento di questa convivenza forzata e della sospensione temporanea di un progetto separativo.

  • Ci sarà magari uno dei due che, al contrario, vive con disagio, con rabbia un’imposizione non desiderata, non decisa.

  • Possiamo anche essere in due a condividere il senso di intolleranza reciproca, ma dobbiamo trovare un modo civile di far trascorrere questo tempo.

  • Gridare, manifestare aggressività, provocare reazioni negative nell’altro non fanno altro che aumentare il nostro senso di incapacità, servono a offrire, anche a noi stessi, un’immagine nostra negativa, che non ci abbandonerà neanche quando questo tempo che sembra infinito sarà giunto a termine.

  • Cerchiamo di avere padronanza delle nostre emozioni: siamo capaci di poterlo fare, se lo vogliamo.

  • Se abbiamo figli, grandi o piccoli che siano, non dimentichiamo mai che i loro occhi ci guardano, che siamo nella loro mente. Teniamoli nella nostra mente e tutto sarà più facile.

  • Prendetevi dei tempi separati. Dividetevi i compiti, evitate di stare a lungo nella stessa stanza. Non c’è motivo, non c’è bisogno.

  • Se vi dividete i compiti, però, fidatevi di ciò che fa l’altro, non vi intromettete, non sarà per sempre.

  • Con i vostri figli fate cose separatamente: ad esempio,  se aiutano il babbo in cucina, successivamente possono giocare a carte con la mamma.

  • Non vi lanciate inutili frecciatine: anche i bambini piccoli se ne accorgono.

  • Mantenere il rispetto: è il modo migliore di rispettare anche voi stessi.

  • Un’altra cosa importante: seguendo queste semplici indicazioni non abbiate paura di innamorarvi di nuovo. Se avete preso o state per prendere la decisione di separarvi, senz’altro avrete dei buoni motivi per farlo. Anche quando il Coronavirus sarà evaporato nel nulla.

 

 

A cura dell'Istituto psico medico pedagogico 

CENTRO METHOD

Via Sandro Pertini, 16  56035 Perignano (PI)

www.centromethod.it  info@centromethod.it info@terapiafamiliare.com

0587 617027 - 347 5721675

 


 

 

 

scarica allegato
LIBRERIA
I bisogni educativi speciali. Diagnosi, prevenzione, intervento

I bisogni educativi speciali. Diagnosi, prevenzione, intervento

Il testo propone una panoramica delle difficoltà e dei disturbi che s’incontrano con maggiore frequenza nella scuola. I vissuti con gli occhi degli alunni, dei genitori e degli insegnanti, per individuare strade percorribili attraverso un intervento integrato tra scuola, famiglia e servizi.  

Acquistalo direttamente on-line, clicca qui

Centro Method - Istituto Psico Medico Pedagogico Via S. Pertini, 16 56035 Perignano-Lari (PI) - E-mail: info@centromethod.it - info@terapiafamiliare.com - ©2013
Powered by Edimedia