Problemi dell'infanzia e dell'adolescenza

Il bambino superdotato

Bambini superdotati

Il bambino “troppo” intelligente


Una riflessione va dedicata anche a quei bambini che presentano livelli intellettivi più alti della media. Essi, per ciò riguarda la sfera intellettiva, non seguono i normali ritmi evolutivi e rispetto alla loro età cronologica mostrano capacità più elevate. Viene da pensare a loro come a dei bambini fortunati, che ottengono il massimo con il minimo sforzo; in realtà se le capacità si trasformano in diversità, essi possono sentirsi non accolti e incapaci di vivere serenamente la relazione con i coetanei.

Secondo le stime i bambini superdotati costituiscono il 2% della popolazione infantile; essi dovrebbero avere un Quoziente Intellettivo che va oltre 130 punti.

Un importante elemento di distinzione è la precocità: i bambini superdotati hanno spesso uno sviluppo intellettivo precoce e seguono tappe di sviluppo più rapide rispetto ai loro coetanei.

Possiedono una capacità di apprendimento quantitativamente e qualitativamente più elevata, prediligono un pensiero logico, hanno bisogno di poco aiuto nello svolgere i loro compiti e manifestano in genere una certa insistenza nel volersela cavare da soli.

Un’altra caratteristica è la motivazione: essi appaiono motivati e tenaci nel perseguire i loro obiettivi, sono curiosi, vivaci, hanno molteplici interessi, sono appassionati della lettura.

Anche la capacità di concentrazione è molto elevata e, se sono particolarmente intenti a svolgere un’attività impegnativa, sembrano perdere il contatto con il mondo circostante. Non si scoraggiano di fronte a problemi complessi, colgono al volo le sollecitazioni degli adulti e, quando si trovano alle prese con un ostacolo, non si danno per vinti e cercano di superarlo.

Pur amando la compagnia, molti mostrano anche una marcata introversione e sono selettivi nella scelta delle amicizie.

 

Bambini superdotati a scuola

Questi bambini vivono con entusiasmo le nuove spiegazioni, le esperienze scolastiche particolarmente coinvolgenti, ma, in linea di massima, tendono ad annoiarsi di fronte ad attività utili per i compagni, ma ripetitive per lui. Talvolta assumono atteggiamenti provocatori e un po’ saccenti, correggono gli insegnanti, svalorizzano i coetanei. Non è raro che emergano comportamenti di instabilità psicomotoria e di trasgressione, a copertura del loro disagio.

Alcuni, per il fatto che riescono a comprendere i contenuti fin dalla prima spiegazione, non studiano e, per questo motivo, il loro rendimento tende a calare nelle ultime classi di scuola primaria, con un conseguente calo di autostima.

È importante che gli insegnanti tengano conto delle caratteristiche del bambino, affinchè egli possa sentirsi accettato nelle proprie capacità e sostenuto nelle difficoltà psicologiche che spesso si creano. Non accogliere la loro intelligenza come una risorsa per loro stessi e per l’intero gruppo dei coetanei, significa, ai suoi occhi, non accogliere qualcosa che fa parte di lui, come se si trattasse di una parte inadeguata.

Per questo è importante aiutare il bambino a considerare la propria intelligenza nè come segno di distinzione e supremazia né come una componente da rinnegare; la scuola deve riconoscere la caratteristica che egli porta, assecondando gli interessi e utilizzando questi ultimi come veicolo di socializzazione.  Esprimere le proprie capacità è un bisogno biologico imprescindibile e il compito degli adulti sta nel perseguire l’equilibrio tra questi bisogni e il desiderio di condividere esperienze con i coetanei. Il rischio da evitare è quello di trattare il bambino come un adulto, non concedendo regressioni e richiedendo il raggiungimento del successo.

Il bambino superdotato e il compito dell’insegnante

L’insegnante assume grande importanza, contrariamente a quanto si può pensare; questi bambini non crescono da soli, ma hanno lo stesso bisogno di accoglienza dei coetanei. L’insegnante, in questi casi, ha il compito di:

-       assecondare gli interessi del bambino

-       interessarsi a lui

-       concedere l’esplorazione degli interessi e delle curiosità del bambino, senza insistere se si esauriscono e accettando eventuali atteggiamenti regressivi.

-       Evitare forzature

-       Evitare di imporre modelli adulti nello svolgimento delle attività (perfezione esecutiva, standard elevati…).

-       Considerare che anche i bambini “troppo” intelligenti hanno bisogno di essere aiutati, perché la precocità intellettiva li rende più consapevoli e sensibili, li espone alla sofferenza, può comportare problemi a scuola, a causa della scarsa sincronia con il programma portato avanti dal gruppo.

-       Ricordare che anche l’alunno superdotato è un bambino e, come tale, ha bisogno di essere sostenuto e incoraggiato dagli adulti, per poter crescere con serenità.

-       Offrire al bambino l’opportunità di svolgere attività supplementari rispetto ai compiti scolastici ordinari.

 

I contenuti di questa pagina sono di proprietà di Centro Method Srl - Dott.ssa Monica Pratelli e riguardano tematiche di approfondimento relative ai settori Psico Medico Pedagogico e di Terapia Familiare.
Se lo ritenete opportuno usateli per arricchire vostri approfondimenti, contenuti, discussioni e analisi citandone la fonte. È gradito un link di supporto a questa pagina e un gesto di condivisione.
NEWS ED EVENTI
I nostri contatti

Diagnosi e terapia delle difficoltà dei bambini e degli adolescenti

Consulenza ai genitori e agli insegnanti

Per informazioni e richieste di appuntamento:

0587 617027-347 5721675 

 

Il nostro canale youtube


La nostra pagina Facebook

leggi tutto
LIBRERIA
I bisogni educativi speciali. Diagnosi, prevenzione, intervento

I bisogni educativi speciali. Diagnosi, prevenzione, intervento

Il testo propone una panoramica delle difficoltà e dei disturbi che s’incontrano con maggiore frequenza nella scuola, facendo riferimento all’ICD10 e al DSM-5, ma con uno sguardo ampio, che tiene conto dei vissuti con gli occhi degli alunni, dei genitori e degli insegnanti, per individuare strade percorribili attraverso un intervento integrato tra scuola, famiglia e servizi.  Acquistalo direttamente on-line, clicca qui

Centro Method - Istituto Psico Medico Pedagogico Via S. Pertini, 16 56035 Perignano-Lari (PI) - E-mail: info@centromethod.it - info@terapiafamiliare.com - ©2013
Powered by Edimedia