Problemi dell'infanzia e dell'adolescenza

Educare bambini e adolescenti alle regole

approfondimento-educazione

Cosa vuole dire educare?

Educare significa aiutare un individuo a crescere e a sviluppare le proprie potenzialità, che gli permetteranno di diventare autonomo e indipendente.

Educare vuol dire rispettare le caratteristiche del bambino e permettergli di attraversare le esperienze positive e negative della vita con fiducia.

Cosa fare allora? Quali modalità educative scegliere? La gratificazione o la punizione? Regole e limitazioni o libertà di azione?

Il più difficile compito degli adulti è quello di offrire ai bambini la possibilità di esplorare serenamente l'ambiente e di vivere esperienze gratificanti nel rispetto però di regole adeguate, che indirizzino i comportamenti dei piccoli, costituendo un indispensabile bagaglio per il futuro.

Ogni bambino ha bisogno sia di approvazione, riconoscimento e gratificazione che di regole, limitazioni, divieti.

Senza regole egli rischia di non inserirsi nella realtà, crescere al di fuori della società, con la convinzione di poter agire senza limiti, ma quando si troverà di fronte alle difficoltà, egli potrà sentirsi inadeguato, indifeso e incompetente.

Un'educazione rigida, fatta di castighi e frequenti punizioni, può far giungere il bambino a sentirsi “cattivo”; egli si costruirà un’immagine negativa di sé, con il rischio di diventare davvero un bambino difficile.

Potrà anche non essere aiutato a comprendere quali sono i comportamenti adeguati da assumere e potrà vivere nel disorientamento, privo della capacità di riconoscere e correggere i propri errori, con l'impossibilità di far emergere le proprie qualità positive.

 

Non dimenticare che…

Le regole sono importanti, ma devono essere adeguate a chi le deve rispettare.

Le regole vanno spiegate con chiarezza e, se possibile, devono essere concordate con i figli.

È importante comunicare con coerenza ed essere chiari nei messaggi.

Le approvazioni servono a dare sicurezza, a far crescere la fiducia in se stessi.

Bisogna saper dire di no quando è necessario.

È importante stabilire dei limiti, imporre dei divieti, ma è necessario farlo con atteggiamento amorevole e spiegando il perché.

Le punizioni hanno valore se derivano da accordi che abbiamo stabilito con chiarezza.

Le punizioni non devono essere improvvisate né dipendere dall’umore del momento.

Le punizioni fisiche e le offese non sono mai educative.

Le umiliazioni e le mortificazioni sono pericolose e devastanti.

I contenuti di questa pagina sono di proprietà di Centro Method Srl - Dott.ssa Monica Pratelli e riguardano tematiche di approfondimento relative ai settori Psico Medico Pedagogico e di Terapia Familiare.
Se lo ritenete opportuno usateli per arricchire vostri approfondimenti, contenuti, discussioni e analisi citandone la fonte. È gradito un link di supporto a questa pagina e un gesto di condivisione.
NEWS ED EVENTI
I nostri contatti

Diagnosi e terapia delle difficoltà dei bambini e degli adolescenti

Consulenza ai genitori e agli insegnanti

Per informazioni e richieste di appuntamento:

0587 617027-347 5721675 

 

Il nostro canale youtube


La nostra pagina Facebook

leggi tutto
LIBRERIA
I bisogni educativi speciali. Diagnosi, prevenzione, intervento

I bisogni educativi speciali. Diagnosi, prevenzione, intervento

Il testo propone una panoramica delle difficoltà e dei disturbi che s’incontrano con maggiore frequenza nella scuola, facendo riferimento all’ICD10 e al DSM-5, ma con uno sguardo ampio, che tiene conto dei vissuti con gli occhi degli alunni, dei genitori e degli insegnanti, per individuare strade percorribili attraverso un intervento integrato tra scuola, famiglia e servizi.  Acquistalo direttamente on-line, clicca qui

Centro Method - Istituto Psico Medico Pedagogico Via S. Pertini, 16 56035 Perignano-Lari (PI) - E-mail: info@centromethod.it - info@terapiafamiliare.com - ©2013
Powered by Edimedia